IL CARRO DEI VINCITORI. Marco Travaglio e Goldman Sachs. Chi ci guadagna VERAMENTE col successo di Beppe Grillo?

Casaleggio_Associati-logo-

In questo momento, in Italia, migliaia di persone stanno salendo su un grosso carro decorato con cinque stelle.

La gente troppo entusiasta ci dà molto fastidio.

Per questo motivo vi segnaleremo alcuni personaggi che appoggiano il M5S per secondi fini o per rapporti economici.

Quasi un anno fa questo blog vi raccontava dei rapporti economico/editoriali che legavano Marco Travaglio, ChiareLettere e Casaleggio.

Oggi che il M5S è il primo partito, le contraddizioni stanno diventando gigantesche.

Potrà ancora il Fatto Quotidiano dichiararsi un giornale indipendente quando una parte degli editori hanno avuto rapporti economici con il proprietario del primo partito d’Italia?

Il conflitto di interessi di Marco Travaglio è ormai lampante. La libertà e la presupposta imparzialità del Fatto quotidiano sono un lontano ricordo e, in ogni caso, un giornale che fa affari col proprietario di uno fra i primi partiti italiani non può più proclamarsi indipendente.

Ci sarebbero tanti altri esempi di giornalisti, intellettuali, programmi radio, siti di gossip politico che stanno assumendo posizioni vergognosamente acritiche verso il movimento di Grillo

Ma quello fra Grillo, Casaleggio, ChiareLettere, Fatto Quotidiano (Travaglio è tra i proprietari) e Movimento 5 Stelle sembra che stia diventando un incrocio perverso fra politica, web, satira ed editoria.

I rapporti economici della Casaleggio Associati con gli editori del Fatto Quotidiano ci sembrano una prova lampante del fatto che il M5S non è quello che dice di essere. La realtà è che il M5S è un “political-entertainment product” creato e gestito da una azienda, la Casaleggio Associati, che è radicata nel mondo delle mega aziende della comunicazione e del marketing, con contatti ed entrature ai massimi livelli mondiali.

Basti pensare che a quanto pare il primo Meetup dei grillini non è stato creato da un cittadino qualunque ma da Maurizio Benzi, dipendente della Casaleggio Associati. Questo è il peccato originale, la prova provata che tutta le urla di Grillo sul fatto che il M5S si basa su spontaneità, partecipazione, trasparenza  etc sono solo trappole per boccaloni. O almeno, prendendo atto delle buone intenzioni di molti entusiasti, l’impalcatura del M5S nacque con un clic aziendale.

Visto che il mondo non si limita a lui, oggi chiudiamo questa piccola e noiosa serie di articoli su Beppe Grillo e lo facciamo commentando l’entusiasmo espresso oggi dalla Goldman Sachs per il successo elettorale di Beppe Grillo.

Bene, quando avrete un’oretta libera, leggete le 55 pagine che compongono questo bel dossier di Michele Di Salvo.

La conclusione ci spiega chi REALMENTE guadagnerà dall’ “instabilità politica” provocata dal M5S.

Vi lasciamo con le profetiche parole scritte ormai anni fa da Michele Di Salvo.

[Con gli slogan di Beppe Grillo] Fai facili consensi, e nell’immediato raccogli quei voti che tolgono ai partiti storici la possibilità di governare il Paese.

Chi ci guadagna in tutto questo?

I clienti della Casaleggio.

Quelle multinazionali che hanno tutto l’interesse a che una moneta si svaluti, che un’altra si rafforzi, anche grazie ad una incertezza o inaffidabilità politica.

Goldman Sachs ringrazia.

AGGIORNAMENTO 8 Marzo 2013

Come volevasi dimostrare:

Fitch taglia il rating all’Italia.
Pesa il caos post elettorale

L’agenzia di rating ha abbassato il giudizio sull’Italia a BBB+ da A- con outlook negativo. Il ‘voto’ riflette il “risultato inconcludente delle elezioni italiane”. Fitch era l’unica a non aver ancora ridotto il giudizio sull’Italia

5 pensieri su “IL CARRO DEI VINCITORI. Marco Travaglio e Goldman Sachs. Chi ci guadagna VERAMENTE col successo di Beppe Grillo?

  1. “…la prova provata che tutta le urla di Grillo sul fatto che il M5S si basa su partecipazione, trasparenza etc sono solo trappole per boccaloni….”.

    Le piazze però le ha riempite davvero. Immagino che le cose che leggo sopra siano vere per Grillo e Casaleggio, ma per quanto tempo potranno dettare legge in un partito che sta diventando grosso? Se molti suoi sostenitori decidono di seguire una linea un po diversa, i boss dovranno almeno in parte adattarsi. Riusciranno i domatori a far stare seduta la tigre?

    • Le piazze però le ha riempite davvero

      Altrochè. ha riempito tutte le piazze d’Italia in un tour di 77 date, tipo.
      Ogni posto in cui si recava diventava la sede di un evento, magicamente.
      Pensa che SOLO A PALERMO ci sono stati più di CENTOMILA VOTI a Beppe Grillo. Milioni in tutta italia.
      Noi non pensiamo che siano tutti dei boccaloni, per niente. ci sono un sacco di persone perbene e intelligenti, si sa, e ci saranno anche altrettanti pezzi di merda, come in ogni gruppo umano.
      Noi tentiamo di dare uno sguardo essenziale:
      -un’azienda incarica un dipendente di creare un evento internet sulla piattaforma Meetup per pubblicizzare l’evento di un cliente.
      – l’evento è uno spettacolo di politica/intrattenimento.
      – l’evento riscuote grosso successo.
      – otto anni dopo si parla di un governo Grillo.

      Tutti gli altri discorsi ci interessano relativamente. Come amministratori pubblici stanno facendo cose buone e cose meno buone, ma quello che abbiamo scritto non ci sembra sembra campato in aria. Per il resto, chiuse le urne volevamo chiudere il discorso e lasciare ad altri più bravi la fatica di occuparsi di questi squallidi discorsi.

  2. Pingback: Un conflitto di interessi per Marco Travaglio? | ilfiumeoreto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...