Il segreto del carisma di Giovanni Paolo II

A breve, il 2 Aprile, sarà l’anniversario della morte per eutanasia di Karol Wojtyla, in arte Giovanni Paolo II.
E’ innegabile che fra lui e il suo successore Joseph Ratzinger ci siano profonde differenze nel modo di proporsi all’umanità.
Oggi parleremo dei metodi con cui Wojtyla ha costruito il proprio ruolo carismatico e la propria immagine pubblica.
Innanzitutto rispetto a Ratzinger ci sono delle fondamentali differenze storico-biografiche: GPII divenne papa a 58 anni, BXVI a 78; un bell’uomo atletico, sciatore e dal buffo accento slavo avrà maggior presa sulle persone rispetto a un quasi ottantenne dal marziale accento tedesco.
Ma lasciando stare le contingenze storiche, che pure ebbero un peso notevole, per capire il segreto dell’eccezionale carisma del papa polacco ci rifaremo all’ultimo capitolo di un denso volume di storia del cristianesimo, Chiesa, Pace e Guerra nel Novecento, scritto da Daniele Menozzi e pubblicato nel 2008 per Il Mulino editore.
Il capitolo in questione descrive l’atteggiamento di Wojtyla nei confronti di temi come la dottrina della guerra giusta, la pace, l’anticomunismo, le armi nucleari eccetera.
Su questi argomenti Wojtyla, nel corso del suo pontificato, ha detto tutto e il contrario di tutto, e secondo Menozzi riscontriamo una difficile compatibilità delle parole pronunciate in occasioni diverse.
Perchè questa incoerenza?
La risposta a questa domanda svela uno dei segreti del suo carisma in tutto il mondo; Wojtyla non scriveva da solo i suoi discorsi e le sue omelie: soprattutto nel corso dei viaggi, le parole da lui pronunciate erano scritte da altri, spessissimo da esponenti del clero locale.


Andava in Polonia e leggeva discorsi scritti da preti polacchi, in Sicilia da preti siciliani, in Sudamerica da preti sudamericani, ecetera eccetera.
Questa è una delle ragioni per cui, ovunque andasse, radunava folle immense di fedeli adoranti, che rimanevano abbagliati dalla forza delle sue parole. Discorsi scritti da esponenti delle varie chiese locali, sicchè inevitabilmente essi risentono di un ampio spettro di sensibilità e di accenti diversi.

Partendo da quest’assunto, Menozzi mostra con chiarezza un altro pilastro del carisma di GPII. Riportiamo il passo integralmente perchè sarebbe difficile sintetizzare meglio:

Giovanni Paolo II, profondamente convinto del suo ruolo carismatico – fondato in ultima analisi sulla convinzione di una relazione privilegiata tra il successore di Pietro e il divino – potrebbe dunque aver affidato l’unitarietà dei suoi interventi, più che alla precisione dei termini dei suoi discorsi, piegati, nelle diverse circostanze, alle varie e specifiche contingenze e opportunità del momento, al fatto che essi sono pronunciati da una persona in grado di attirare attenzione, suscitare emozione, aggregare consenso, in una sorta di apostolato basato sull’olistica identificazione tra il papa e la chiesa.

Menozzi ci spiega magistralmente qualcosa che molti di voi avrete sicuramente notato da soli: l’identificazione tra papa e chiesa avvenuta con Wojtyla non si è ripetuta con Ratzinger. Specie negli ultimi anni Wojtyla era diventato inattaccabile per il suo potere carismatico. A parte gli anticlericali più accaniti, GPII era un simbolo intoccabile tanto a destra quanto a sinistra.
Ratzinger al contrario ha dovuto barcamenarsi prima con la scomoda eredità del suo predecessore, e ora con varie accuse, denunce, veleni, addirittura minacce di morte che potrebbero spingerlo clamorosamente alle dimissioni, il cui ultimo precedente storico sarebbero quelle del molisano Celestino V, il papa che viene insultato da Dante nella Divina Commedia.
In conclusione possiamo dire che i segreti del potere carismatico di Giovanni Paolo II sono stati fondamentalmente due: il fatto di parlare all’estero con le parole delle varie chiese nazionali, più vicine al cuore dei fedeli, unito alla convinta consapevolezza della propria potenza carismatica (derivata direttamente da Dio) ha permesso a Wojtyla di diventare l’uomo più amato e ascoltato del mondo durante i suoi 27 anni di pontificato.

3 pensieri su “Il segreto del carisma di Giovanni Paolo II

  1. Pingback: Un altro piccolo segreto del successo: l’umiliazione di Karol Wojtyla | ilfiumeoreto

  2. Giovanni Paolo II, nella sua lunga vita e nel suo lungo pontificato, si è trovato ad affrontare sfide differenti nei tempi e nei luoghi.
    Partito da un iniziale anticomunismo che lo portava a posizioni atlantiste (in questo seguendo la mentalità polacca), dopo il crollo dell’Urss, iniziò a comprendere le ragioni del comunismo e alla fine arrivare ad una sempre più aperta critica al capitalismo.
    Quando nell’omelia del Venerdì Santo del 2003, disse che l’Impero Romano alla fine era caduto, in molti compresero che alludeva agli USA.
    E del resto l’esplosione dello scandalo del clero pedofilo statunitense, fu anche una vendetta di Bush contro il Papa che non appoggiava le “crociate” usane in Iraq……..

    • interessante questa riflessione.
      Wojtyla è stato uno dei “giganti” del ventesimo secolo, una di quelle figure imprescindibili per comprendere l’ultimo “secolo dell’acciaio”.
      La guerra in Iraq fu forse l’ultimo palcoscenico globale su cui Giovanni Paolo II fece sentire il proprio peso, e lo fece in maniera inequivocabilmente contro la guerra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...